Mare Expo - La mostra-mercato per chi vive e ama il mare

DENOMINAZIONE – SCOPO – DATE
1. La «SEGNI di SEGNI srl», che qui di seguito, per brevità verrà indicata con il termine “Organizzazione”, è la Società che si occupa dell’organizzazione e gestione dell’evento “Mare expo” presso la Marina di Civitavecchia, nell’interesse delle categorie economiche regionali e nazionali, allo scopo di incrementare la cultura del mare e contribuire allo sviluppo produttivo, commerciale e delle imprese economiche e istituzionali che operano nel settore. L’evento Mare expo, è regolato dalle norme che seguono.

2. Le date di apertura e di chiusura della manifestazione, la loro durata e gli orari di accesso sono fissati dall’”Organizzazione” che, di concerto con il Comune di Civitavecchia, si riserva in ogni momento, a fronte di preavviso, il diritto di apportarvi variazioni senza il riconoscimento di nessuna richiesta di risarcimento di danni.

PARTECIPAZIONE E AMMISSIONE
3. Possono partecipare all’evento Mare expo:
a) gli espositori italiani, in particolare della Regione Lazio a cui viene riservata una prevalenza degli spazi espositivi, ed esteri;
b) I rappresentanti o concessionari o agenti italiani ed esteri di ditte produttrici nazionali ed estere, sempre che questi siano autorizzati dai titolari dai titolari dei marchi rappresentati;
c) Le ditte, gli organismi, le istituzioni, ecc. comunque riconosciuti promotori, sostenitori e realizzatori di attività connesse alla promozione delle attività legate al mare. L’Organizzazione si riserva di chiedere ai rappresentanti, concessionari, agenti la documentazione comprovante la loro posizione in relazione alla ditta produttrice e di procedere, in forma diretta, a tutti gli accertamenti del caso. I rappresentanti o concessionari o agenti partecipanti alle manifestazioni, senza essere stati autorizzati dalle rispettive ditte, devono intendersi impegnati direttamente nei confronti dell’Organizzazione che si riserva di decidere insindacabilmente sull’accettazione della domanda di partecipazione o la permanenza in Fiera.

4.
I richiedenti, per essere ammessi, devono presentare domanda, senza formulare riserve di sorta, attraverso l’apposito modulo che deve essere firmato dal titolare della ditta o dal legale rappresentante o da persona a ciò delegata. È obbligatorio: compilare il modulo in ogni sua parte, allegati compresi; precisare la tipologia dei prodotti esposti o dei servizi presentati; elencare, qualora la domanda venga presentata da rappresentanti concessionari o agenti, le ditte rappresentate, con il relativo indirizzo e i rispettivi prodotti.

5. La domanda di partecipazione diviene irrevocabile al momento della presentazione all’Organizzazione. Con la firma e la presentazione della domanda di partecipazione, il richiedente si impegna a:
a) accettare incondizionatamente e riconoscere vigenti per sé, per i propri delegati e per il personale dipendente, tutte le norme del presente regolamento e quelle complementari successivamente emanate dall’Organizzazione, come previsto dall’art. 55, e tutte le disposizioni stabilite dai competenti organi in materia;
b) riconoscere la competenza esclusiva del Foro di Civitavecchia (Roma), in caso di controversie di qualsiasi natura. L’Organizzazione si riserva la facoltà di accettare domande di partecipazione pluriennale.

6.
Le domande di partecipazione devono essere presentate entro i termini stabiliti.

7. L’accettazione della domanda di partecipazione è riservata al giudizio insindacabile dell’Organizzazione che, in caso affermativo, darà comunicazione al richiedente a mezzo di «Conferma di partecipazione», documento che sancisce l’iscrizione ed autorizza il richiedente stesso a considerarsi partecipante. Qualora la domanda non venga accettata ne sarà data comunicazione scritta al richiedente. Il rigetto della domanda di partecipazione non potrà dar luogo al pagamento di alcuna indennità per risarcimento di danni, al di fuori del rimborso della somma già versata all’Organizzazione.

8. Il richiedente respinto non potrà valersi del fatto che la sua adesione sia stata sollecitata dall’Organizzazione né potrà invocare, come prova della sua ammissione, la corrispondenza intercorsa tra lui e l’Organizzazione o l’incasso della quota di partecipazione o, ancora, la pubblicazione del suo nome su qualsiasi elenco.

PAGAMENTI
9. Per l’iscrizione all’evento Mare expo e per la concessione delle aree devono essere corrisposti:
a) una quota fissa di partecipazione ;
b) una quota di iscrizione da calcolarsi in relazione alla superficie richiesta come da tariffario riportato nella “Domanda di Partecipazione”;
c) una quota per le prestazioni e forniture in forma standardizzata da parte dell’Organizzazione.
All’atto della firma della domanda di partecipazione dovrà essere versato la relativa “quota di partecipazione”. I versamenti vanno effettuati direttamente all’Organizzazione entro i termini stabiliti. In caso di eventi economicamente rilevanti, è facoltà dell’Organizzazione di modificare le tariffe comunicate all’espositore.

10. Tutte le fatture emesse dall’Organizzazione nei 60 giorni precedenti l’apertura della manifestazione o nel corso della medesima devono essere saldate subito per l’intero ammontare. Al partecipante non in regola con i pagamenti l’Organizzazione non rilascerà «l’Autorizzazione per l’occupazione delle aree» prevista dagli artt.: 18-19.

11. Trascorsi dieci giorni dall’invio della «Fattura-Conferma di partecipazione» senza che sia pervenuto il saldo, l’Organizzazione si ritiene autorizzata a spiccare sul partecipante tratta con spese per l’ammontare dovuto.

12. Gli importi versati dai richiedenti, di cui non è stata accettata la domanda di partecipazione, saranno restituiti, senza interessi. Pure senza interessi e dopo la chiusura della manifestazione verranno rimborsati i depositi cauzionali versati a qualsiasi titolo e che non avessero più ragione di sussistere.

RINUNCIA ABBANDONO
13. La rinuncia alla partecipazione non esime dall’obbligo del pagamento degli importi dovuti.

14. In caso di mancata comunicazione scritta della rinuncia, oppure qualora la rinuncia venga comunicata a meno di 30 giorni dall’apertura della rassegna, l’Organizzazione applicherà una penale non inferiore al doppio degli importi dovuti per la partecipazione. Solo in caso di provata forza maggiore, da comunicare e documentare all’Organizzazione almeno 15 giorni prima dell’apertura della manifestazione, l’Organizzazione si riserva la facoltà di accettare la rinuncia, con pagamento, a favore dell’Organizzazione, del 50% degli importi dovuti per la partecipazione.

15. Per la rescissione anticipata delle partecipazioni pluriennali, a integrazione degli artt. 13 e 14, l’Organizzazione si riserva il diritto di richiedere il rimborso delle agevolazioni eventualmente concesse e di trattenere gli importi già incassati, a titolo di rifusione delle spese di organizzazione.

16. L’Organizzazione considera abbandonate le aree:
a) non occupate con i prodotti destinati all’esposizione almeno dodici ore prima dell’ora fissata per l’inaugurazione anche se le aree figurano già allestite e munite di insegna;
b) lasciate senza sorveglianza o in condizioni di palese incuria, nel corso della manifestazione.

17. In caso di morosità, rinuncia o abbandono, l’Organizzazione si riserva la facoltà di cedere a terzi le aree, senza essere tenuto al rimborso o indennizzo alcuno, fermo restando il diritto di esigere il pagamento globale dovuto in base alla domanda di partecipazione, alle penalità previste dagli artt. 14 e 15 ed a qualsiasi altro titolo, oltre ai danni eventualmente subiti dall’Organizzazione per la mancata partecipazione.

PARTECIPANTI
18. I partecipanti sono raggruppati o dislocati nell’area espositiva a criterio insindacabile dell’Organizzazione, tenuto presente il genere di prodotti o servizi indicati e il tipo di area richiesto nella domanda di partecipazione. Le aree sono assegnate per la superficie e la posizione risultanti, con le relative dimensioni e caratteristiche, dalla planimetria predisposta dall’Organizzazione. Rispetto alle misure indicate su tali moduli potranno esservi tolleranze fino a 15 cm. per lato.

19. Le aree vengono messe a disposizione dei partecipanti prima della data di apertura della manifestazione nei termini che verranno comunicati. Per prenderne possesso i partecipanti devono essere muniti di «Autorizzazione» da parte dell’Organizzazione.

20. L’Organizzazione si riserva la facoltà di cambiare o di ridurre in qualsiasi momento, e quindi anche dopo l’invio della «Conferma di partecipazione» o dell’Autorizzazione per l’occupazione delle aree, come pure nel corso della manifestazione, le aree già concesse, apportando alle stesse qualsiasi modifica che si rendesse necessaria, nonché di assegnarle in altra area, senza che ciò comporti il diritto per i partecipanti alla rinuncia o al risarcimento di qualsiasi natura. In caso di variazioni alla ubicazione o di riduzione delle aree, decisa dall’Organizzazione, si provvederà all’eventuale conguaglio dell’importo dovuto.

ESPOSIZIONE – ALLESTIMENTO – PULIZIA – ANTINCENDIO – SICUREZZA (D. lgs. 626/94)
21.
Il partecipante è tenuto ad esporre i propri prodotti, per tutta la durata della rassegna. L’allestimento delle aree espositive assegnate devono essere completati dodici ore prima dell’apertura, salvo espressa autorizzazione dell’Organizzazione.Entro lo stesso termine, è pure fatto obbligo di sgomberare le aree dagli imballi e da tutti gli altri materiali non destinati all’esposizione, con mezzi propri, trasportandoli fuori dal recinto del quartiere fieristico.

22. L’altezza massima degli allestimenti e delle insegne non può superare i m. 3 dal suolo, salvo espressa autorizzazione dall’Organizzazione. Con propria disposizione L’Organizzazione potrà altresì ridurre tale altezza massima in determinate aree espositive. L’Organizzazione si riserva il diritto di adottare, per determinati ambiti merceologici, insegne uniformi obbligatorie, fornite a noleggio. I partecipanti devono, in ogni caso, sistemare i lati esterni delle loro aree in modo da non nuocere all’estetica delle aree vicine e non recare danno agli altri partecipanti. Gli allestimenti e le insegne non in regola con le norme, devono essere rimossi, su richiesta dell’Organizzazione, a cura e spesa del partecipante. Qualora questi non provvedesse entro il termine e nei modi fissati, l’Organizzazione si riserva di procedere in forma diretta, addossando la relativa spesa ed ogni responsabilità al partecipante. L’Organizzazione si riserva la facoltà di controllare le modalità espositive, le insegne e tutti i lavori eseguiti e di chiedere di apportare le necessarie modifiche. 23. I partecipanti sono tassativamente tenuti all’osservanza delle normative sulla sicurezza e sulla prevenzione incendi e delle disposizioni in materia che potranno essere emanate dall’Organizzazione anche separatamente dal presente regolamento.

24. Ai sensi del Decreto Legislativo n. 626/94 e successive modifiche ed integrazioni, il datore di lavoro delle ditte espositrici o fornitrici di servizi s’impegna: – a fornire le opportune istruzioni in merito ai rischi presenti, ai propri dipendenti e a quelli delle aziende chiamate a intervenire nel proprio stand, quali ad esempio le aziende allestitrici;
– a verificare l’idoneità tecnico-professionale delle imprese o dei lavoratori autonomi che eventualmente chiamerà a operare all’interno del proprio stand;
– a coordinare, in particolare in caso di affidamento di lavori a imprese appaltatrici all’interno del proprio stand, gli interventi di protezione e prevenzione dei rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti ad interferenze tra i lavori delle diverse imprese con riferimento alle lavorazioni da parte di espositori limitrofi;
– di essere edotto sui rischi specifici connessi alle lavorazioni all’interno dell’area espositiva. In particolare dichiara di conoscere le problematiche e/o prescrizioni riguardanti gli aspetti impiantistici, gli aspetti tecnici specifici, gli accessi, la viabilità e logistica all’interno dell’area espositiva, le disposizioni in caso di incendio o di situazione di pericolo, come indicato nel fascicolo servizi e da foglio notiziario che viene consegnato all’espositore stesso. Mare expo è dotata di un servizio di vigilanza e impianto antincendio. Pertanto all’instaurarsi di una situazione di pericolo dovrà essere data tempestiva comunicazione al personale di vigilanza. In caso di incendio, oltre ad avvisare gli addetti secondo quanto sopra descritto, ogni titolare o responsabile dovrà curare che ogni lavoratore mantenga la calma e segua le eventuali istruzioni del personale preposto. Nel caso venga impartito l’ordine di evacuazione, ogni lavoratore deve evitare di correre o di strillare e dirigersi verso le uscite segnalate più vicine.

DIVIETI
25.
Ai partecipanti è vietato:
a) cedere, scambiare – anche a titolo gratuito – le aree avute in assegnazione;
b) occupare una superficie maggiore di quella assegnata o superare in altezza le misure stabilite (vedi art. 22);
c) immagazzinare imballi o altro materiale non destinato all’esposizione nelle aree assegnate, nelle adiacenze di esse e comunque dell’area della Fiera;
d) esporre cartelli o insegne al di fuori delle aree assegnate oppure in luogo o posizione diversi da quelli stabiliti dall’Organizzazione;
e) distribuire o dare in prova, in forma propagandistica, campioni a pagamento, o con sorteggi; lotterie o giochi, salvo autorizzazione scritta dall’Organizzazione, che si riserva la facoltà di applicare uno speciale onere e di disciplinare tali attività;
f) effettuare qualsiasi prova e qualsiasi forma di pubblicità al di fuori delle proprie aree;
g) usare richiami ad alta voce o altre forme di pubblicità che per la loro sostanza ed esteriorità possano andare contro leggi o regolamenti, ovvero costituire termine di diretto raffronto con altri partecipanti o possano, comunque, recare ad essi disturbo o danno, nonché la raccolta di firme, dichiarazioni e giudizi; la propaganda ed i giudizi che possano suonare a critica o offesa a istituzioni politiche e sociali del nostro o di altri Paesi;
h) detenere o utilizzare bombole, o altri recipienti a gas di qualsiasi tipo, ovvero riempire o conservare riempiti di carburanti o combustibili i serbatoi o le caldaie o altri recipienti, salvo particolare autorizzazione dell’Organizzazione;
i) mettere in azione le macchine esposte senza l’autorizzazione scritta dell’Organizzazione;
l) effettuare prove, dimostrazioni, operazioni che possano compromettere la sicurezza di persone o cose, ovvero siano suscettibili di disturbare, irritare, arrecare danno, pericolo, o che comunque a giudizio delle Autorità preposte alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni, vengano considerate pericolose;
m) accendere fuochi, introdurre materie esplosive, prodotti detonanti o pericolosi o maleodoranti o che comunque possano arrecare danno o molestia;
n) coprire o mascherare gli oggetti esposti, durante le ore fissate per la visita del pubblico;
o) lasciare incustodite o in stato di abbandono le aree;
p) permanere nei padiglioni o nel quartiere fieristico durante le ore di chiusura;
q) circolare o sostare con veicoli di qualsiasi genere, nel recinto dell’area espositiva;
r) adibire a trasporto, spedizione, carico e scarico delle merci, lavori di allestimento, impianti e derivazioni di servizi tecnici e pulizia, persone o ditte non autorizzate dall’Organizzazione, a meno che non si tratti di dipendenti del partecipante;
s) rivendere oppure prestare a terzi tessere di ingresso o biglietti a riduzione;
t) smontare gli allestimenti o fare uscire materiali e campioni prima del termine della manifestazione;
u) dipingere scritte o insegne direttamente sui muri e sui materiali di proprietà dell’Organizzazione; affiggere sui medesimi chiodi o altri attrezzi;
v) effettuare direttamente allacciamenti agli impianti tecnici dell’Organizzazione (illuminazione, energia, acqua, scarichi, ecc.) senza averne avanzato preventiva richiesta scritta, e/o con personale non autorizzato dall’Organizzazione, e/o omettendo l’osservanza delle norme di sicurezza;
z) impiegare negli allestimenti materiali combustibili, o non ignifughi all’origine o non ignifugati a norma delle vigenti disposizioni.

26. Ai trasgressori l’Organizzazione si riserva di:
a) richiedere il risarcimento dei danni arrecati direttamente o indirettamente a persone e cose dell’Organizzazione e a terzi;
b) ritirare la tessera di libero ingresso;
c) imporre la chiusura temporanea delle aree senza che il partecipante possa pretendere risarcimento di sorta;
d) far sgomberare le aree e cederle a terzi, senza riconoscere alcun rimborso delle somme versate e senza che il partecipante possa avanzare reclami per danni.

INGRESSI – BIGLIETTI – TESSERE
27.
Per accedere all’area espositiva devono essere esibiti, al personale di controllo, la tessera personale o il permesso provvisorio o il biglietto d’ingresso rilasciato dall’Organizzazione.

28. L’Organizzazione mette a disposizione di ogni singolo partecipante in regola con i pagamenti un numero di tessere di libero ingresso in base agli spazi occupati dall’espositore o a specifiche esigenze concordate. Le tessere ed i permessi vengono consegnati intestati alle ditte partecipanti, ai fornitori autorizzati e agli addetti ai servizi.
A tutti incombe l’obbligo di provvedere subito a trascrivere sulle tessere il cognome e il nome delle persone che dovranno farne uso nel corso della manifestazione. Le tessere presentate agli ingressi di Mare expo non intestate al portatore o in possesso di persona diversa dall’intestatario, saranno ritirate e non restituite né sostituite. I partecipanti sono personalmente responsabili delle frodi che possono essere tentate o commesse anche dai dipendenti valendosi dei titoli di ingresso sopra indicati.
L’Organizzazione si riserva di denunciare eventuali frodi alle competenti autorità.

SERVIZI TECNICI
29.
L’Organizzazione, nei limiti degli impianti a sua disposizione, provvede, dietro pagamento e secondo le tariffe e le norme per la prenotazione, alla fornitura dell’energia elettrica e del sistema WI-FI, in base alle richieste avanzate dal partecipante nella “Domanda di partecipazione”; la richiesta è a tutti gli effetti impegnativa per il partecipante. Le richieste presentate dopo tale termine verranno soddisfatte «se possibile e per quanto in tempo». Per tali forniture l’Organizzazione si limita a trasmettere le prestazioni; le garanzie e i rischi ad esso conferiti dai rispettivi Enti fornitori.

30. Per quanto riguarda gli impianti elettrici, da eseguirsi nell’ambito delle aree assegnate (posa in opera di lampade, riflettori, insegne luminose, relative condutture o apparecchiature) il partecipante è tenuto:
a) o a farli eseguire da uno dei fornitori autorizzati dall’Organizzazione, cui dovrà esser fatta richiesta;
b) o – qualora li faccia eseguire direttamente – a sottoporli, prima della messa in funzione, al controllo e collaudo dell’Organizzazione;
c) a installare, a propria cura e spesa, tutte le apparecchiature prescritte dalle norme di legge ed altre per la salvaguardia della sicurezza di persone o cose.

31. Qualora nell’area assegnata al partecipante non esistessero i servizi tecnici richiesti, potranno essere eseguite, sempre che non lo vietino particolari ragioni di carattere tecnico, derivazioni dalle linee normali da parte del personale dipendente dall’Organizzazione, restando a carico del partecipante le relative spese.

32. Il pagamento dei servizi forniti dall’Organizzazione dovrà essere effettuato dal partecipante all’atto della richiesta. L’Organizzazione si riserva la facoltà di esigerne il pagamento a mezzo di un proprio dipendente munito di regolare delega scritta.

33. Eventuali abusi di inosservanze nel fruire dei servizi tecnici alle condizioni di cui agli artt. 29, 30, 31:
a) autorizzano l’Organizzazione a sospendere la fornitura dei servizi stessi, salvo sempre il diritto alla riscossione di quanto dovuto per la fornitura stessa;
b) implicano la totale responsabilità civile e penale del partecipante per i danni eventuali a persone e cose dell’Organizzazione o di terzi.

MACCHINARI IN AZIONE
34.
Le macchine o motori non possono essere messi in funzione se non a seguito dell’adempimento di tutte le formalità prescritte dalla legge e di tutte le norme dettate dall’Organizzazione al riguardo, previa autorizzazione scritta, sempre che ciò non arrechi pericolo o molestia. I partecipanti devono provvedere all’assicurazione contro gli infortuni e la responsabilità civile e mettere in opera tutti gli accorgimenti e dispositivi atti alla prevenzione degli infortuni e degli incendi, all’attenuazione dei rumori, all’eliminazione dei cattivi odori e ad evitare l’emissione di gas o di liquidi.
I partecipanti che espongono apparecchi a pressione in azione, in conformità alla legge per la sorveglianza degli stessi, non li possono far funzionare senza aver subìto, con buon esito, le verifiche e il collaudo, che devono risultare da regolare certificato dell’ufficio competente.

I partecipanti stessi sono tenuti a richiedere direttamente la verifica e il documento.
Nei casi di disturbo o di inconvenienti di carattere tecnico o di pericolo o di infortunio, è in facoltà dell’Organizzazione di annullare l’autorizzazione già data. Qualora, in deroga al disposto dell’articolo 25 (lettera h), il partecipante ottenga uno speciale permesso dall’Organizzazione e dalle competenti Autorità, le bombole o gli altri recipienti per il rifornimento devono essere depositati in apposito spazio, sempreché non si preferisca provvedere, di volta in volta, alla sostituzione all’esterno dell’area espositiva.
L’Organizzazione non assume alcuna responsabilità al riguardo per danni diretti o indiretti a persone o cose.

CARICO E SCARICO MATERIALI – CIRCOLAZIONE VEICOLI
35.
L’Organizzazione mette a disposizione i mezzi e i servizi necessari al sollevamento e al posizionamento di imbarcazioni, motori, macchinari o attrezzature esclusivamente all’interno dell’area espositiva, per conto degli espositori che ne facciano richiesta almeno 10 giorni prima dell’apertura dell’evento al pubblico.

36. Per le operazioni di sollevamento e trasporto all’interno dell’area espositiva, gli Espositori possono altresì avvalersi di mezzi di loro proprietà e di personale alle loro dirette dipendenze. In tal caso, i partecipanti sono responsabili per le operazioni eseguite per conto proprio e devono rispondere per eventuali danni arrecati all’Organizzazione o a terzi, mentre l’Organizzazione rimane sollevata da ogni responsabilità al riguardo. Per i materiali e per i prodotti in genere depositati nel quartiere fieristico, l’Organizzazione non assume alcuna responsabilità. Ai partecipanti in aree sopraelevate è fatto obbligo di denunciare il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico di kg. 300 al mq. onde evitare danni o sinistri per sovraccarico. Ai partecipanti è fatto obbligo di denunciare, almeno 30 giorni prima dell’apertura della manifestazione, il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico unitario di kg. 3 mila, o molto ingombranti o di particolare delicatezza, onde consentire all’Organizzazione di valutare l’idoneità all’esposizione ed eventualmente predisporre i mezzi per lo scarico in arrivo e il carico in partenza nonché tempi e modalità operative per la movimentazione.

37. L’ingresso dei mezzi di trasporto all’apertura, nel corso e a chiusura della manifestazione, viene regolato con apposite disposizioni emanate all’uopo dall’Organizzazione.

RIPRESE FOTOGRAFICHE O AUDIO VISIVE
38.
 Per le riprese cinematografiche, fotografiche e relative riproduzioni sono a disposizione dei partecipanti fotografi autorizzati che prestano la loro opera a tariffe approvate dall’Organizzazione.
Qualora i partecipanti desiderino avvalersi di propri fotografi, devono farne domanda all’Organizzazione, prima dell’apertura della rassegna.
Di ogni fotografia eseguita dai fotografi per conto dei partecipanti una copia deve essere consegnata, a titolo gratuito e a cura dei fotografi, all’Organizzazione.
L’Organizzazione si riserva la facoltà di riprendere o far riprendere vedute di insieme o di dettaglio – interne ed esterne – e anche di eseguirne o permetterne la vendita.
L’introduzione in Fiera di apparecchi fotografici e cinematografici è subordinata ad apposito permesso dell’Organizzazione.

PUBBLICITÀ
39.
Ogni forma di propaganda e di pubblicità sulle pubblicazioni dell’Organizzazione, all’interno dell’area espositiva, nelle strade e spazi adiacenti, è regolata esclusivamente dall’Organizzazione di concerto con il Comune di Civitavecchia.
La pubblicità, unicamente per la propria ditta e per i prodotti e servizi esposti, può essere svolta dal partecipante solamente nell’ambito della propria area e negli spazi comuni, salvo i divieti previsti dall’art. 25. Il partecipante può eseguire, previa approvazione e sotto il controllo dell’Organizzazione installazioni pubblicitarie ed altre forme di pubblicità a particolari tariffe.
Particolari necessità tecniche, esigenze di servizio od altro potranno far spostare od eliminare installazioni pubblicitarie o altre forme di pubblicità: in ogni caso nessun diritto di rivalsa è riconosciuto al partecipante.

40. Nelle distribuzioni di opuscoli, stampati, volantini, ecc., è vietato l’uso di disegni, titoli, scritti o grafici comunque in antagonismo con i diritti dell’Organizzazione, che rivendica come sua proprietà esclusiva – oltre che i suoi elementi grafici distintivi – anche la denomi nazione della manifestazione, con tutte le modificazioni, abbreviazioni, semplificazioni, sigle e marchi.

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE
41.
L’organizzazione provvede, senza che ciò costituisca impegno o responsabilità verso l’espositore o i marchi da esso rappresentati, alla stampa e diffusione web di strumenti di comunicazione che comprendono le indicazioni relative alle adesioni pervenute ed accettate sino a 45 giorni prima dell’inizio dell’evento.
Per chiedere l’inserzione il partecipante deve compilare l’apposito modulo e farlo pervenire all’Organizzazione entro il termine predetto.
L’Organizzazione declina ogni e qualsiasi responsabilità circa la data di pubblicazione degli strumenti di comunicazione e per quanto concerne errate compilazioni da parte del partecipante o per errori tipografici o di impaginazione.

Su autorizzazione dell’Organizzazione e previ accordi, per quanto riguarda il canone, i partecipanti possono aggiungere altre indicazioni di carattere tecnico-pubblicitario.

DANNI
42.
L’Organizzazione non assume alcuna responsabilità per danni (diretti ed indiretti) o pregiudizi arrecati a persone o cose, da chiunque e comunque provocati. Di conseguenza l’Organizzazione non risarcisce eventuali danni derivanti, a puro titolo esemplificativo e non esaustivo, da furti, incendi, esplosioni, eventi dolosi in genere, rotture, infiltrazioni d’acqua, eventi naturali in genere. L’espositore è responsabile di tutti i danni causati alle persone e alle cose, dai prodotti esposti, dagli allestimenti, dalle installazioni di impianti elettrici ed idrici, dalle costruzioni, dai montaggi pubblicitari, dai mezzi ed oggetti detenuti a noleggio, dai mezzi di trasporto usati, dalle macchine in funzionamento e dal personale alle sue dipendenze.

SGOMBERO AREE – USCITA MATERIALI – RICONSEGNE – RECUPERO CREDITI
43.
Lo sgombero di tutti i prodotti in esposizione e di ogni altro materiale può aver inizio solo dopo la chiusura dell’evento, dal giorno e dall’ora stabiliti dall’Organizzazione, e deve essere completato entro le date che saranno fissate, dopo le quali l’Organizzazione potrà procedere senz’altro a traslocare altrove quanto di pertinenza del partecipante, naturalmente a spese dello stesso, con facoltà per l’Organizzazione di esercitare il diritto di ritenzione su quanto esistente a garanzia del risarcimento di danni e spese conseguenti, ivi incluse quelle di custodia. I rischi di furto, perdite e danni che ne derivano rimangono sempre a carico dell’Espositore.
I prodotti deperibili saranno venduti subito, con semplice avviso verbale all’interessato o a chi per lui, a licitazione privata al prezzo e alle condizioni che l’Organizzazione riterrà più convenienti.
Trascorsi 60 giorni senza che si sia provveduto al ritiro, i prodotti non deperibili e i materiali di cui sopra potranno essere venduti. Il ricavo, detratte le spese, sarà tenuto a disposizione dell’interessato presso l’Organizzazione. Non provvedendo al ritiro, entro sei mesi, dalla somma di cui sopra, questa sarà incamerata dall’Organizzazione.
Per i materiali comunque rimasti nel quartiere fieristico, l’Organizzazione declina ogni e qualsiasi responsabilità per furti e danni arrecati ai medesimi.

44. L’uscita, a fine manifestazione, dei prodotti esposti e di ogni altra merce, è sottoposta al rilascio da parte dell’Organizzazione di un «Permesso di uscita». Non si procederà al rilascio del «Permesso di uscita» a quei partecipanti che non avranno in precedenza regolato
ogni loro rapporto amministrativo o pendenza con l’Organizzazione.
Il materiale esposto costituisce un titolo di garanzia a favore dell’Organizzazione sino all’estinzione totale dei suoi diritti, anche nei casi in cui il medesimo risulti passato in magazzino.
45. È fatto obbligo al partecipante di riconsegnare le aree nello stato in cui le ha ricevute, a suo carico restano l’esecuzione dei lavori di ripristino e la constatazione dello stato di riconsegna. In particolare le aree, gli stand e le strutture noleggiati dall’espositore non dovranno presentare strappi, tagli, forature, tracce di nastro adesivo e di collante.
Ogni alterazione o danno autorizza l’Organizzatore a esercitare un diritto di privilegio su quanto è contenuto o allestisce l’area espositiva, a chiunque appartenga, con ritenzione delle cose e prelazione sul prezzo, e sempre con il potere di esercitare tali diritti nella misura che
sarà indicata da un consulente giudiziario ai sensi dell’art. 696 del Codice di Procedura Civile.
Uguale diritto viene riconosciuto all’Organizzazione per il recupero di ogni specie di credito verso il partecipante, applicandosi il privilegio di cui all’articolo 2764 del Codice Civile.

FORNITORI AUTORIZZATI – SERVIZI AUSILIARI
46.
Per i lavori di allestimento di qualsiasi genere, per la fornitura di servizi e il noleggio di materiali, l’Organizzazione si riserva di conferire a un certo numero di ditte la nomina a «Fornitore Autorizzato», comunicandone tempestivamente ai partecipanti gli indirizzi e le condizioni di massima fissate per le loro prestazioni.
I partecipanti possono servirsi, per i lavori inerenti all’allestimento delle loro aree, di ditte di loro fiducia, a condizione che le stesse e i loro dipendenti siano anche di gradimento dell’Organizzazione.

47. All’interno dell’area espositiva, eventuali punti di ristoro, bar, mescite, locali di vendita ecc. sono tenuti a vendere i prodotti di ditte partecipanti o convenzionate direttamente con l’Organizzazione, ad osservare le norme del presente Regolamento, ad applicare quelle clausole e condizioni risultanti da norme particolari, ivi comprese le tariffe per le consumazioni da parte del pubblico, che l’Organizzazione si riserva di fissare. L’inosservanza delle norme impartite dall’Organizzazione e delle speciali disposizioni di legge e sanitarie al riguardo, comporta l’immediata chiusura dell’esercizio.

47. L’Organizzazione si riserva la facoltà di appaltare qualsiasi servizio a terzi, emanando al riguardo, le relative norme. Per i servizi dati in appalto e per tutti i lavori eseguiti dai fornitori, l’Organizzazione declina ogni responsabilità.

DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE
49.
Nel caso in cui l’evento “Mare expo” per motivi imprevisti o per una ragione di qualsiasi natura, non dovesse o non potesse effettuarsi, le domande di partecipazione si intendono automaticamente annullate e gli importi versati – deduzione fatta delle spese sostenute e degli impegni assunti – saranno ripartiti fra i partecipanti «pro rata».
Nei casi di variazioni della data, della durata e degli orari di apertura, e nel caso in cui una manifestazione, una volta aperta, dovesse venir sospesa a causa di eventi imprevisti, l’Organizzazione non è tenuta a restituire le quote di partecipazione incassate.
Nei casi di cui sopra resta escluso che i partecipanti, per esplicita convenzione, possano ricorrere contro l’Organizzazione a qualsiasi titolo o causa.

50.
L’Organizzazione si riserva di stabilire norme e disposizioni complementari che venissero giudicate necessarie a meglio regolare l’andamento di Mare expo, anche in deroga al presente Regolamento Generale. Tali norme verranno portate a conoscenza dei partecipanti a mezzo di lettere circolari e di notiziari; esse avranno valore pari a quelle del presente Regolamento e la loro osservanza è obbligatoria. L’inosservanza o la violazione delle clausole di questo Regolamento e delle norme e disposizioni successivamente emanate, dà luogo alla decadenza della conferma di partecipazione e alla chiusura immediata, temporanea o definitiva, delle aree, senza alcun
rimborso delle quote pagate e senza alcun indennizzo, salvo penali da stabilire e responsabilità relative a carico del partecipante. L’Organizzazione ha il diritto di espellere immediatamente dall’area espositiva chiunque violasse le disposizioni del presente Regolamento e tutte le norme successivamente emanate e di perseguire lo stesso in via legale per danni materiali e morali per qualsiasi tipo apportati. Reclami di qualsiasi natura concernenti l’organizzazione delle rassegne e il relativo svolgimento saranno presi in esame solo se comunicati per iscritto a mezzo di lettera raccomandata o posta elettronica certificata indirizzata all’Organizzatore, entro il giorno di chiusura dell’evento Mare expo. Le decisioni che l’Organizzatore prenderà in merito saranno definitive e inappellabili.

51. Sono validi solo gli impegni assunti dai legali rappresentanti dell’Organizzazione o dai loro incaricati a condizione che siano stati delegati con regolare scrittura.

52. Il Foro competente per qualsiasi controversia è quello di Civitavecchia (Roma).